Come Perdere Peso Usando Un Cardiofrequenzimetro?

 

È ormai da tempo che fare esercizio è diventata una necessità e non più solo una tendenza di alcuni. Fare sport, come sappiamo, è vivamente consigliato da tutti gli specialisti della salute.

Di questi tempi, evitare le malattie cardiovascolari è un obiettivo chiaro per milioni di persone che vogliono allungare la propria speranza di vita e migliorarne la qualità. Spesso, per raggiungere questi obiettivi, è necessario dimagrire leggermente.

perdere peso facendo sport

Nuotare, andare in bici, camminare e correre sono solo alcune delle attività che, oltre a prendersi cura della salute del nostro cuore, ci aiutano a bruciare le calorie di troppo.

Però, come fare per misurare l’esercizio senza esagerare? Come valutare e calcolare la quantità dello sforzo che possiamo realizzare in base alla nostra forma fisica? Come perdere peso senza problemi e senza rischi per la salute?

Per farlo, esistono dispositivi di grande aiuto, e uno dei più utilizzati è il cardiofrequenzimetro.

Scegliere l’intensità e la durata dei tuoi allenamenti e trovare l’equilibro tra le due è imprescindibile per migliorare la tua salute cardiovascolare e dimagrire.

 

IL CARDIOFREQUENZIMETRO: UN AIUTO INDISPENSABILE PER DIMAGRIRE

Il cardiofrequenzimetro è un dispositivo elettronico che registra la frequenza cardiaca in tempo reale e ci indica le pulsazioni al minuto.

Nel caso dei modelli classici, si tratta di una fascia elastica dotata di elettrodi da indossare sul torace, oppure di un sensore ottico situato sul retro della cassa di un orologio da polso che misura i battiti direttamente attraverso la pelle.

praticare sport

Gli elettrodi o il sensore ottico registrano le pulsazioni del cuore e mandano le informazioni all’orologio che indossiamo al polso.

La frequenza cardiaca è data dal numero delle contrazioni del tuo cuore al minuto per pompare il sangue a tutto l’organismo, il che permette di distribuire l’ossigeno e i nutrienti necessari ai tessuti.

Un cardiofrequenzimetro è un dispositivo molto utile nella vita di tutti i giorni, soprattutto per quelle persone che soffrono di malattie cardiovascolari o che hanno avuto problemi di cuore o infarti.

Inoltre, è un apparato indispensabile per monitorare l’attività sportiva amatoriale, professionale o di allenamenti personali.

Appena avrai una routine di esercizi, vorrai sicuramente avere sotto controllo il tuo progresso e il tuo livello di resistenza, ed è proprio qui che un cardiofrequenzimetro si trasformerà in un alleato essenziale.

 

COME S’INDOSSA UN CARDIOFREQUENZIMETRO?

Nel caso dei cardiofrequenzimetri tradizionali con fascia cardio, si colloca il trasmettitore sul torace con una fascia elastica dotata di elettrodi, in modo che questi siano a contatto con la pelle.

Dato che l’obiettivo è che gli elettrodi rilevino al meglio la frequenza cardiaca, è consigliato inumidirli leggermente con dell’acqua prima di indossare la fascia cardio.

perdere peso con orologio sportivo

Colloca il ricevitore al polso, accendilo e comincia a registrare i dati prima dell’allenamento.

Alla fine dell’esercizio, dovrai fermare la registrazione con un pulsante.

Poi, sciacqua la fascia con un po’ d’acqua per evitare che il sale del sudore danneggi gli elettrodi.

Nel caso dei cardiofrequenzimetri da polso con sensore ottico, assicurati semplicemente d’indossare l’orologio ben stretto e che non si muova durante gli allenamenti.

garmin fenix 6 per running

Fai attenzione, non è necessario stringerlo fino a bloccare la circolazione! Basta che rimanga a contatto con la pelle e non si muova.

 

COME S’INTERPRETANO I DATI DI UN CARDIOFREQUENZIMETRO?

Per interpretare i dati correttamente dovrai conoscere la tua frequenza cardiaca massima e la tua frequenza cardiaca a riposo.

Per avere i dati di quella a riposo, registra i battiti quando ti svegli, prima di alzarti dal letto. Un buon esempio sarebbe un valore di 55 battiti al minuto.

Invece, per calcolare la frequenza cardiaca massima ci sono diverse formule, ma una delle più utilizzate consiste nel sottrarre la tua età al numero 220.

Se hai 40 anni, per esempio, dovrai fare 220-40. Il risultato sarà di 180 pulsazioni al minuto di frequenza cardiaca massima.

Come avrai capito grazie a questa formula, più giovane sei, più battiti per minuto otterrai durante un esercizio aerobico che rimane ad un livello che non implica rischi per la salute.

Per essere più chiari, se hai 60 anni dovrai sottrarre questo numero a 220 ed otterrai 160. Queste sono le pulsazioni massime che dovresti ottenere durante un allenamento.

Se hai 20 anni, invece, potrai arrivare tranquillamente fino ai 200 battiti al minuto durante l’esercizio fisico.

È importante che tu sappia che tutte queste indicazioni sono approssimative. Se vuoi calcolare le tue zone di frequenza cardiaca potrai utilizzare la formula di Karvonen per risultati più esatti, anche se il modo migliore è sempre quello di sottoporsi ad un test da sforzo con spirometria, che ti fornirà dati molto affidabili sulle tue capacità fisiche.

formula di karvonen

 

COME UTILIZZARE UN CARDIOFREQUENZIMETRO PER DIMAGRIRE

Se il tuo obiettivo è quello di dimagrire e bruciare i grassi, dovrai realizzare un esercizio di una certa intensità per un tempo stabilito.

Secondo i consigli dei nutrizionisti, per iniziare a perdere peso dovrai fare gli esercizi di tua preferenza per un minimo di 30 minuti.

Un’altra cosa molto importante: devi combinare l’intensità dell’esercizio con il tempo che lo svolgerai per non superare mai le pulsazioni al minuto raccomandate.

Secondo gli esperti, se vuoi bruciare grassi devi mantenere la frequenza cardiaca tra 149 e 162 battiti al minuto. Ricorda che si tratta di una cifra approssimativa, e che è sempre meglio determinare prima qual è la zona di sforzo in cui bruci i grassi.

Mantenere una frequenza cardiaca adeguata ti aiuterà moltissimo a raggiungere i tuoi obiettivi e a perdere peso.

dimagrire per la corsa

Per bruciare i grassi dovrai mantener i tuoi battiti sul 60-70% della tua capacità massima. Se, quando fai esercizio, ti trovi al di sotto di questa percentuale, starai comunque bruciando grassi, ma non al massimo del tuo potenziale.

Quindi, come calcoliamo il 60-70% della nostra frequenza cardiaca massima?

Come abbiamo visto sopra, per calcolare la frequenza cardiaca massima basta sottrarre la tua età a 220.

Una volta stabilita la frequenza cardiaca massima dovrai solo calcolare il 60-70% di questo numero.

Come? Semplicemente moltiplicando i tuoi battiti al minuto per 60 e poi dividere il tutto per 100. Per esempio, 190 per 60 diviso 100. Il risultato sarà 114. Puoi calcolare il 60 o il 70 percento, anche se alcuni allenatori non consigliano di superare il 60%.

Portare i tuoi battiti a quei livelli ti permetterà di usare i grassi come combustibile per l’energia.

Come avrai notato, usare un cardiofrequenzimetro correttamente è come avere un personal trainer per tutte le nostre sessioni d’allenamento.

Questo dispositivo ti aiuterà ad allenarti con l’intensità appropriata e, seguendo le indicazioni che ti abbiamo fornito in quest’articolo, raggiungerai anche tutti i tuoi obiettivi di perdere peso.

Per finire, eccoti una selezione dei migliori cardiofrequenzimetri disponibili sul mercato, per aiutarti a decidere qual è quello che fa per te:

cardiofrequenzimetro piu venduto fitbit
  • FITBIT VERSA 2
  • 31 g
  • Sensore Ottico Integrato
  • GPS
  • Resistenza all´acqua 50 m
  • -
  • Valutazione 8.4/10
polar vanatge m
  • POLAR VANTAGE M
  • 45 g
  • Sensore Ottico Integrato 9 LEDs
  • GPS + GLONASS
  • Resistenza all´acqua 30 m
  • Più di 130 sport
  • Valutazione 8.6/10
Diferencias Suunto 5 con Spartan Trainer Wrist HR
  • SUUNTO 5
  • 66 g
  • Sensore Ottico Integrato
  • GPS-GLONASS-Galileo-QZSS
  • Resistenza all´acqua 50 m
  • Running - Ciclismo - Nuoto - Triathlon
  • Valutazione 8.7/10
comprar garmin vivoactive 4
  • GARMIN VIVOACTIVE 4
  • 50.5 g
  • Sensore Ottico Integrato
  • GPS + GLONASS + Galileo
  • Resistenza all´acqua 50 m
  • NFC - Musica
  • Valutazione 8.8/10
cardiofrequenzimetro piu venduto
  • GARMIN FORERUNNER 245 / 245 MUSIC
  • Peso: 38.5 g
  • Sensore Ottico Integrato 3ª generazione
  • GPS + GLONASS + Galileo
  • Resistenza all´acqua 50 m
  • WiFi - Musica
  • -
  • Durata Batteria con GPS: 24 h
  • Valutazione 8.8 / 10
Comparativa con Polar Vantage V
  • SUUNTO 9 BARO
  • Peso: 81 g
  • Sensore Ottico Integrato
  • GPS + GLONASS
  • Resistenza all´acqua 100 m
  • -
  • -
  • Durata Batteria con GPS: 24 h
  • Valutazione 9.0 / 10
Polar Vantage V Analisis
  • POLAR VANTAGE V
  • Peso: 66 g
  • Sensore Ottico Integrato 9 LEDs
  • GPS + GLONASS
  • Resistenza all´acqua 30 m
  • -
  • Sensore Potenza Integrato
  • Durata Batteria con GPS: 40 h
  • Valutazione 9.2 / 10
pulsometro garmi fenix 6 reloj
  • GARMIN FÉNIX 6 PRO
  • Peso: 72 g - 83 g
  • Sensore Ottico Integrato 3ª generazione
  • GPS + GLONASS + Galileo
  • Resistenza all´acqua 50 m
  • Navigazione Mappe
  • Musica - Garmin Pay - WiFi
  • Durata Batteria con GPS: 60 h
  • Valutazione 9.6 / 10